La storia di una dermatite da acari sconfitta con la pulizia professionale della casa

Ciò che vi sto per raccontare è un fatto vero che mi è accaduto proprio qualche mese fa e che se non fosse stato per i consigli di una signora conosciuta per caso al supermercato, mai e poi mai sarei riuscita a risolvere definitivamente il problema.

Ma andiamo per ordine. Tutto è iniziato quasi un anno fa, quando mio figlio Luca ha iniziato ad avere strani episodi di dermatite. Dico strani perché in realtà la sua dermatite inizialmente non era stata ben identificata e addirittura confusa con altre malattie. I primi sintomi di questa dermatite erano comparsi sotto forma di crisi respiratoria prima ancora di avere una vera e propria eruzione cutanea.

Luca si svegliava spesso di notte perché faceva fatica a respirare e sempre spesso questa crisi era accompagnata da forti colpi di tosse. Ovviamente prima di capire che si trattasse di dermatite, Luca era stato curato per raffreddore, bronchite, influenza, malanni di stagione. Ma ogni volta senza un risultato ottimale. Ogni volta eravamo al punto d’inizio e le crisi di mio figlio, sempre più intense.

L’ultimo episodio poi, è stato quello che ha fatto scattare in me il bisogno di trovare una soluzione definitiva. Bisognava andare a fondo al problema. Ma come?

Era una serata come tante, esattamente una domenica. Avevo messo Luca a letto e me ne stavo comoda sul divano, a guardare la tv. Dopo poco sento il bambino tossire. All’inizio non ci do peso. Aspetto e dopo poco lo sento ritossire ancora. Stavolta la tosse è intensa e mano a mano che va avanti, lo diventa sempre più. Agli episodi di tosse si associano quelli respiratori. Dalle spalle del bambino si sente chiaro una specie di “fischio” che fuori esce ad ogni respiro. Scopro il bambino e noto immediatamente sulla sua pelle, tante piccole macchioline della grandezza di un coriandolo e da un colore roseo. Capisco subito che c’è qualcosa che non va e decido di correre al pronto soccorso più vicino.

E qui, dopo una serie di esami, i medici diagnosticano al bambino una dermatite da acari, una cosa che fino a quel momento non avevamo mai e poi mai immaginato. Luca era stato curato per tutt’altra cosa, ma la nostra pediatra purtroppo non aveva mai ipotizzato che si trattasse di dermatite allergica.

In un primo momento, la crisi di Luca con i trattamenti farmacologici si era attenuata, ma una volta rientrata a casa ho iniziato a documentarmi sugli acari e sentite cosa ho scoperto.

Gli acari sono animaletti invisibili ad occhio nudo ma che praticamente riescono a sopravvivere dai zero fino ai 20°, creando notevoli problemi al nostro organismo. Inoltre nei luoghi particolarmente umidi, gli acari si proliferano e aggrediscono il nostro organismo.

Dove li troviamo? Sicuramente sui materassi, tappeti, divani, luoghi fertili dove questi parassiti vivono e si riproducono.

Un’allergia da acari può creare una forte infiammazione respiratoria, che col passare del tempo, può sfociare in asma o rinite.

Una volta arrivata a casa, il mio primo pensiero è stato quello di eliminare gli acari dalla mia vita e soprattutto da quella di mio figlio. Inutile provare a passare la scopa elettrica oppure quella a vapore, tanto gli acari non si eliminano così. L’unica soluzione è sanificare e igienizzare!

Inizio quindi a chiedere in giro, fra amici e conoscenti, cosa posso fare per eliminare il problema degli acari e quasi per caso mi imbatto nella soluzione. Faccio la fila alla cassa del supermercato e inizio a chiacchierare con una persona accanto a me. Si parla un po’ di tutto e l’argomento finisce sul mio problema.

Come posso fare per eliminare gli acari? Chiedo io, sicura di non ottenere una risposta.

Invece la signora mi sorride e mi dice che è molto semplice.

Bisogna rivolgersi ad un professionista del settore e quindi mi fornisce il numero di telefono e tutti i contatti della persona a cui posso rivolgermi.

Sono un po’ dubbiosa in merito, ma tanto cos’altro ho da perdere? Ormai con Luca le ho tentate tutte. Terapia farmacologica, aerosol, passeggiate in montagna, ma ogni volta i sintomi si ripresentano e siamo al punto di partenza.

Mi convinco e contatto la ditta in questione. Mi risponde il titolare che si rende immediatamente disponibile a venire a casa già per il giorno successivo.

Morale della storia? Dopo l’intervento professionale di pulizia, la mia casa era perfettamente pulita, linda e profumata come non mai. Ho fatto sanificare i materassi e i tappeti (soprattutto quello della camera di Luca) e già da quella stessa notte, si sono visti dei miglioramenti. Da allora faccio eseguire l’intervento di pulizia almeno ogni sei mesi e a distanza di tempo, posso dire che la salute di Luca è nettamente migliorata.

Se anche tu pensi di avere un problema simile al mio, cosa aspetti a prenotare una visita a domicilio? Compila il modulo e sarai ricontattato al più presto.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Non aspettare che sia troppo tardi, ma risolvi oggi i tuoi problemi con gli acari e migliora da subito il benessere della tua famiglia.

About the Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *